Archive for December, 2009

La vera ragione dell’incidente di Tiger Woods? La passione per un libro di fisica

Wednesday, December 30th, 2009

Grande eco sulla stampa ha avuto la notizia dell’incidente stradale del campione di golf Tiger Woods. La ragione dell’incidente sarebbe stata l’ira della moglie tradita. Ma una foto del SUV incidentato ha permesso di capire la reale versione dei fatti.

6a00d8341bf67c53ef0120a7150baa970b-800wi.jpg

La foto mostra che Tiger Woods aveva in macchina un libro di divulgazione scientifica dedicato alla fisica, per la precisione “get a grip on Physics”.
E’ presto spiegata la vera ragione dell’incidente. Come tutti sappiamo i libri di divulgazione scientifica dedicati alla fisica sanno appassionare tantissimo e possono anche distrarci. Sicuramente Mr.Woods sarà stato così preso dal testo che avrà per questo centrato un palo.
La foto è stata pubblicata dall’Indipendent e proviene dalla polizia della Florida.
La cosa più curiosa è che ha fornito un’insperata pubblicità al libro che, a detta dell’Indipendent è passato in un giorno dalla posizione 396.224 alla posizione 2.268 nella classifica di vendita di Amazon (ora è sotto la posizione 7000).
E l’autore non si è fatto scappare l’occasione di usare la cosa: se guardate il sito ufficiale del libro trovate che attribuisce il successo (sportivo) di Woods ai segreti della fisica trovati nel libro.

Lo sviluppo della miopia

Monday, December 28th, 2009

Sulla rivista New Scientist c’è un articolo molto interessante dedicato alla miopia. Lo si trova anche sul web a questo indirizzo. La prima osservazione che l’articolo fa è quella legata al fatto che la miopia sembra aumentare in maniera incredibile nel mondo, tanto che in alcune zone dell’Asia si sia passati dal 25% all’80% di miopi in pochi decenni. La prima sfida della ricerca è trovare le ragioni che portano alla miopia. Infatti mentre è vero che le persone di maggior livello culturale maggiormente miopi, questo non è legato alla lettura, come spesso si diceva. Anche le tecniche legate ad aiutare l’accomodazione, ad esempio dando ai bambini miopi delle lenti progressive per limitare lo sviluppo della miopia, sembrano aiutare poco (-0.75 in chi porta le lenti progressive, -1.28 diottrie per gli altri). In realtà ciò che sembra fare la vera differenza è la vita all’aria aperta e non perchè uno legge poco se sta all’aperto, ma per ragioni legate alla fisiologia. Sembra che la luce naturale generi dopamina, la quale limita la crescita dell’occhio e quindi la progressione della miopia. Quindi il suggerimento è: stare all’aria aperta!

Per TIME una lampada a LED è tra le migliori 50 invenzioni dell’anno

Monday, December 28th, 2009

La rivista TIME tra le molte classifiche di fine anno ha pubblicato anche quella delle 50 migliori invenzioni. Una è legata all’illuminotecnica, è una lampada a LED prodotta da Philips. Il Dipartimento per l’Energia americano ha bandito un concorso per chi realizzerà la migliore lampada per sostituire le lampadine a incandescenza da 60 Watt e Philips è la prima iscritta. Dato che le lampade incandescenti a 60 Watt rappresentano il 50% del mercato domestico, la loro vicina eliminazione rappresenta una fetta di mercato enorme. La lampadina Philips consuma meno di 10 Watt per produrre la stessa luce, e dovrebbe durare 25000 ore (contro le mille delle tradizionali lampade a incandescenza). In bocca la lupo a PHilips e alle altre aziende che entreranno in gara….

La nuova lampada Philips

La nuova lampada Philips

Presentare i dati statistici in maniera bella

Sunday, December 27th, 2009

Ci si lamenta spesso che i giornali non presentano i dati in maniera corretta, e spesso è così. Si assistono a stupidate statistiche rilevanti. Ma bisogna anche riconoscere i lavori fatti bene. Il New York Times ha una pagina statisticamente bellissima. La trovate qui.

Intende presentare i dati relativi alla disoccupazione, mostrando quali categorie hanno risentito più o meno della crisi. Il bello è la velocità con cui si possono fare confronti. La pagina si apre mostrando la media generale, ma poi è possibile scegliere tra varie categorie (razza, età, livello culturale). Si scopre così che le per le donne anziane di buon livello culturale le cose sono andate meglio della media. Ma se inserite i neri giovani con poca cultura, capite che gli Stati Uniti qualche problema sociale ce l’hanno. Mi sembra che una pagina così dica più di molti articoli…

[Recensione] Tutti i Colori del Calcio

Wednesday, December 2nd, 2009

751calcio.jpgUna storia e un’analisi dei colori delle maglie delle squadre di calcio. Ecco in estrema sintesi il contenuto di “Tutti i Colori del Calcio” di Sergio Salvi e Alessandro Savorelli (Le Lettere, Firenze, 2008), un volume che da studioso di luce, colore e visione e da appassionato di calcio non potevo non acquistare. E non rimpiango la spesa, dato che il libro è molto ben documentato, ma si lascia anche leggere volentieri grazie agli aneddoti e alle curiosità che presenta. L’idea di base degli autori è che le maglie di calcio siano i diretti successori degli stemmi araldici. Citano a questo proposito Desmond Morris, secondo cui nel calcio “si è formato un codice universale di riconoscimento visivo, che ha restituito al colore la funzione predominante che godeva nell’antica araldica”. L’analisi dell’origine delle maglie fa svanire (giustamente) le strane origini che attribuivano i colori di molte maglie a errati lavaggi e curiose ricombinazioni di colori. Ad esempio le maglie viola della Fiorentina sarebbero nate da un lavaggio estremamente vigoroso delle vecchie divise bianco rosse. Per attenuare l’inverosimiglianza della storia alcuni sostengono che assieme alle maglie fossero mescolati degli indumenti blu di allenamento, e questo abbia condotto al viola. In realtà la ragione principale sta nel desiderio della nostra città di essere come sempre originale e creativa, utilizzando uno dei colori più rari nello sport. Oltre alle maglie gli autori dedicano attenzione anche agli stemmi (ricordando con giusta riprovazione alcuni curiosi marchi degli anni 80, come quello enorme che campeggiava sulle maglie viola quando ci si avvicinò assai allo scudetto) e ai soprannomi delle squadre. Insomma un testo realmente ben fatto e godibile, su un tema che, come avevo già segnalato, è molto sentito.

Pietro_vierchowod.jpg

Calendario dell’Avvento 2009 dell’Hubble Space Telescope

Wednesday, December 2nd, 2009

Hubble Space Telescope Advent Calendar 2009: the Big Picture del Boston Globe presenta un simpaticissimo calendario dell’Avvento, realizzato con delle splendide foto dell’Hubble space Telescope. Presenta una foto al giorno fino a Natale, quindi se lo guardate oggi (2 dicembre) trovate solo due foto, e lo spazio bianco per il futuro

Hubble Space Telescope Advent Calendar 2009 – The Big Picture – Boston.com

Wednesday, December 2nd, 2009

Hubble Space Telescope Advent Calendar 2009 – The Big Picture – Boston.com

Posted using ShareThis

blog_sot back_blog
occhiello_blog